Crea sito
Skip to content

Stefania Orizio

Oggi conosciamo Stefania Orizio, fotografa dalla provincia di Bergamo. In viaggio inseguendo la luce, che ci sveglia ogni volta in un posto diverso.

CIAO! PARLACI UN PO’ DI TE.
Mi chiamo Stefania, ho 21 anni, vivo in un piccolo paese in provincia di Bergamo e studio grafica.

COM’È NATO IL TUO INTERESSE PER LA FOTOGRAFIA E PERCHÈ HAI SCELTO LA FOTOGRAFIA ANALOGICA?
Sinceramente non so ben definire quando sia nato il mio interesse per la fotografia, andavo alle medie e per caso, o per noia, mi ritrovai a fare fotografie con una compatta a qualsiasi cosa avessi intorno. Poi cominciai a portarla ovunque quando uscivo di casa; l’ho veramente maltrattata quella macchina fotografica. Sicuramente la mia visione sulla fotografia è cambiata quando ho comprato la mia prima e amatissima reflex (ho maltrattato pure lei, tanto da bruciarne i pixel ed il flash). La fotografia analogica l’ho riscoperta comprando le usa e getta e ritrovando una Yashica nell’armadio dei miei genitori. Poco a poco ha cominciato ad interessarmi sempre di più. Ritengo che scattare in analogico tolga tante inutilità che si cercano sempre di più oggi, come l’immediatezza. Ho rullini fermi dentro alcune macchine da anni e non m’interessa nemmeno finirli il prima possibile perchè questo è il bello, riscoprire e ricordare i momenti, gli attimi.

stefania orizio, fotografia analogica, giovani fotografi
Stefania Orizio

HAI UN FOTOGRAFO PREFERITO O COMUNQUE CHE ABBIA ISPIRATO IL TUO MODO DI FOTOGRAFARE?
Si ho alcuni fotografi preferiti (Chloe Sheppard, Sebastião Salgado, Henri Cartier-Bresson, Mike Brodie e potrei continuare ancora, ma diventerebbe una lista della spesa) ma non mi piace farmi condizionare dai loro scatti, fotografo per me stessa quindi sono cose molto soggettive.
Ho paura di dimenticare, quindi è per questo che mi sono avvicinata a questo mondo, credo.

PARLIAMO UN PO’ DI ATTREZZATURA, QUALI MACCHINE FOTOGRAFICHE E PELLICOLE USI?
Principalmente uso la mia preferita, la Yashica T3, qualsiasi usa e getta, la Instax Fuji Mini 8 e quando capita Yashica GSN e Lomography Holga. Per quanto riguarda le pellicole vado un po’ a caso, ma amo i colori della Kodak Color Plus.

STAI LAVORANDO A QUALCHE PROGETTO O C’È QUALCHE PROGETTO A CUI VORRESTI LAVORARE?
Non ho mai pensato di buttarmi a fare progetti personali, non sono il mio campo ma mai dire mai.

stefania orizio, fotografia analogica, giovani fotografi
Stefania Orizio

COSA TI PIACE FOTOGRAFARE E COSA RENDE SPECIALE UNA FOTO PER TE?
Fotografo le persone che mi stanno più a cuore, che conosco, so come si chiamano o almeno so qualcosa di loro. Non riesco a far fotografie a persone che non conosco, o se lo faccio sicuramente eliminerò la foto. Oltre questo aspetto fondamentale sono innamorata della luce, quella per me è tutto perchè crea l’atmosfera perfetta.

COSA NE PENSI DELLA FOTOGRAFIA IN ITALIA IN QUESTO MOMENTO E DEL SUCCESSO SEMPRE MAGGIORE CHE LA FOTOGRAFIA ANALOGICA CONTINUA AD AVERE ANCORA ADESSO?
In parte credo sia un bene che stia ”risorgendo” l’analogico tra i giovani, dall’altro lato spero non diventi una moda che sminuisca il tutto.

stefania orizio, fotografia analogica, giovani fotografi
Stefania Orizio

C’È QUALCHE GIOVANE FOTOGRAFO ITALIANO CHE TI SENTI DI CONSIGLIARE?
Assolutamente si, dei miei carissimi amici Francesco Frizzera, Lorenzo Scudiero e Thomas Mascheroni

HAI DEGLI INTERESSI AL DI FUORI DELLA FOTOGRAFIA CHE INFLUENZANO I TUOI LAVORI?
Viaggiare sicuramente è al primo posto, uscire con gli amici e non tornare mai a casa. Ho un sacco di altri interessi ma non penso che colpiscano la mia visione sulla fotografia.

DOVE POSSIAMO VEDERE LE TUE FOTO?
Su instagram e flickr principalmente ed infine facebook:
instagram.com/stefaniaorizio
flickr.com/hallucination_ph
facebook.com/Stefania.Orizio

stefania orizio, fotografia analogica, giovani fotografi
stefania orizio, fotografia analogica, giovani fotografi

stefania orizio, fotografia analogica, giovani fotografi

stefania orizio, fotografia analogica, giovani fotografi

stefania orizio, fotografia analogica, giovani fotografi

stefania orizio, fotografia analogica, giovani fotografi