Crea sito
Skip to content

Federica Porro

Oggi con Federica Porro, scopriamo un modo di fare fotografia che strizza l’occhio alla letteratura, e reinterpreta la realtà del mondo che ci circonda.

CIAO! PARLACI UN PO’ DI TE.
Sono nata a Como nel 1994, dopo aver frequentato il liceo in un piccolo paesino di provincia ho iniziato Lettere Moderne studiando a Milano, Siena e Berlino. In questi mesi dopo la laurea mi muovo tra Como e Berlino e da settembre mi trasferirò a Modena per iniziare un master in fotografia.

COM’È NATO IL TUO INTERESSE PER LA FOTOGRAFIA E PERCHÈ HAI SCELTO LA FOTOGRAFIA ANALOGICA?
Il mio avvicinamento alla fotografia è stato molto naturale, spontaneamente fin da molto piccola ho sentito un’attrazione per questo nuovo occhio che mi permetteva di vedere e analizzare il mondo da un altro punto di vista. L’osservazione della realtà attraverso la lente fotografica mi ha incuriosito e continua a farlo. La fotografia analogica mi è capitata: un giorno ho trovato la vecchia macchina di mio padre, con la quale continuo a scattare, e ho voluto provarla; da autodidatta non è stato facilissimo all’inizio ma grazie alla fotografia analogica ho imparato molto sulla fotografia, come pratica e come metodo di osservazione.

federica porro, giovani fotografi, fotografia analogica
Federica Porro

HAI UN FOTOGRAFO PREFERITO O COMUNQUE CHE ABBIA ISPIRATO IL TUO MODO DI FOTOGRAFARE?
Ci sono molti fotografi ai cui faccio riferimento: essendo molto legata al mondo del linguaggio artisti come Franco Vaccari, Sophie Calle e Duane Michals hanno una grande influenza sul mio modo di fotografare e soprattutto sul processo di creazione di lavori in forte dialogo con la scrittura. Inoltre sicuramente fotografi come Mario Giacomelli, Edward Weston, Robert Mapplerthorpe e Luigi Ghirri hanno inciso profondamente sul mio pensiero: mi hanno spinto ad interrogarmi sul significato della fotografia come nuovo modo di vedere e di interpretare la realtà.

PARLIAMO UN PO’ DI ATTREZZATURA, QUALI MACCHINE FOTOGRAFICHE E PELLICOLE USI?
Non ho una grande attrezzatura perché tendo ad affezionarmi a poche macchine fotografiche con cui prendo confidenza: infatti continuo a scattare con la Canon FTb di mio padre, la prima macchina analogica che abbia mai utilizzato. Ogni tanto faccio qualche sperimentazione con una Polaroid Onestep e una Ferrania Elioflex. Scatto sempre in bianco e nero quindi la mia conoscenza sulle pellicole si limita a questo campo: ho iniziato con Ilford ma dopo un corso di sviluppo in camera oscura ho iniziato ad utilizzare la Kodak T-MAX (400 e 100) e da quel momento non riesco più a cambiare pellicola, si ottengono risultati davvero eccellenti.

federica porro, giovani fotografi, fotografia analogica
Federica Porro

STAI LAVORANDO A QUALCHE PROGETTO O C’È QUALCHE PROGETTO A CUI VORRESTI LAVORARE?
Ho recentemente stampato in tiratura limitata un libro, Steinschleier, che è una riflessione sul dolore e la sua percezione. Sto lavorando poi ad una serie di progetti: sto per portare a termine ed esporre una serie di fotografie che si concentrano sulla relazione uomo e natura analizzata sia sul piano fotografico che su quello del linguaggio, ogni scatto verrà affiancato da una composizione poetica della giovane poetessa Celina Dzyacky. Un’altro progetto a cui sto lavorando è frutto di una riflessione sulla fotografia di esseri umani e di oggetti e di come oggetto animato e oggetto inanimato non siano poi così differenti: in uno scambio di vedute si vogliono creare nuove immagini del mondo che portano l’osservatore a porsi delle domande su ciò a cui sta assistendo. Lavoro in modo molto metodico quindi cerco sempre di avere un progetto che mi permetta di indagare la relazione tra immagine e parola e come i due media possano collaborare per raggiungere un nuovo livello di espressione e di interpretazione della realtà.

COSA TI PIACE FOTOGRAFARE E COSA RENDE SPECIALE UNA FOTO PER TE?
Non ho soggetti particolari che tendono a ripetersi nelle mie fotografie, certo, mi rendo conto di subire un grande fascino dal mondo vegetale, però cerco sempre di concentrarmi su elementi costitutivi dell’immagini come linee, forme, ombre e luci, sia che si tratti di oggetti animati o inanimati. E sono proprio questi gli elementi che possono rendere interessante e potente uno scatto: lo sguardo fotografico per me deve creare una nuova esperienza di osservazione e di interpretazione del mondo, uno scatto dovrebbe sollecitare l’osservatore a cercare qualcosa che si nasconde dentro la fotografia che non è visibile ma intellegibile.

federica porro, giovani fotografi, fotografia analogica
Federica Porro

COSA NE PENSI DELLA FOTOGRAFIA IN ITALIA IN QUESTO MOMENTO E DEL SUCCESSO SEMPRE MAGGIORE CHE LA FOTOGRAFIA ANALOGICA CONTINUA AD AVERE ANCORA ADESSO?
Siamo in un epoca in cui i fotografi stanno avendo un numero crescente di possibilità, tenendo presente i vantaggi e gli svantaggi, resto molto positiva: nonostante la prolificazione esagerata di immagini che quotidianamente ci bombarda, iniziano a crearsi molte riviste e molti gruppi di persone che cercano di salvaguardare i fotografi, cercando di dare alla fotografia la propria legittimazione artistica. Lo stesso sguardo ambivalente si può assumere nel considerare il successo della fotografia analogica: in parte esso è chiaramente dettato da una moda, da uno stile di vita che prevede dei comportamenti inclini al riutilizzo dell’analogico, del vintage; dall’altro questo crescente successo è un fattore che aiuta la commercializzazione degli strumenti per la pratica della fotografia analogica, e dà maggiori possibilità ai fotografi di sperimentare diverse tecniche.

C’È QUALCHE GIOVANE FOTOGRAFO ITALIANO CHE TI SENTI DI CONSIGLIARE?
Sicuramente Michele Brancati che è in grado di dare una personalissima visione della realtà. Inoltre un’altra grande fotografa è Marina Ballo Charme: nei suoi studi sullo sguardo fotografico sensibilità ed estetica trovano un equilibrio sorprendente.

federica porro, giovani fotografi, fotografia analogica
Federica Porro

HAI DEGLI INTERESSI AL DI FUORI DELLA FOTOGRAFIA CHE INFLUENZANO I TUOI LAVORI?
Certamente la letteratura e la scrittura hanno influenzato e continuano a influenzare i miei scatti. Alla letteratura si somma il mondo dell’arte, anch’essa grande fonte di ispirazione e riflessione.

DOVE POSSIAMO VEDERE LE TUE FOTO?
Sono molto analogica nell’espormi, i miei progetti più cari sono pensati per essere visti materialmente, in una mostra o in forma libro, in ogni caso si possono vedere alcuni dei miei scatti qui:
federicaporro.tumblr.com
instagram.com/federica_porro

federica porro, giovani fotografi, fotografia analogica
Chiudendo gli occhi
federica porro, giovani fotografi, fotografia analogica
Il caos appare
federica porro, giovani fotografi, fotografia analogica
Identificazione delle forme
federica porro, giovani fotografi, fotografia analogica
L’ordine conseguito
federica porro, giovani fotografi, fotografia analogica
Spalanca gli occhi su nuove cicatrici